You are here

La ricerca di Shamballa

Primary tabs

Submitted by Lotos on 9 January, 2016 - 19:38

L’uomo è spietato verso sé medesimo. Quando compiange il proprio fato dimentica che egli stesso s’infligge una pena severa. Ci è difficile far capire all’uomo il concetto di karma; ma in condizioni ancora più intrattabili è la coscienza di chi corre diritto a gettarsi nell’abisso. Si preferisce distruggere e ingannare sé stessi piuttosto che illuminare la coscienza.
Nel campo spirituale la ricerca di Shamballa esiste in molte varianti. Ma è forse possibile pensare di arrivare a quella Comunità semplicemente invadendola o digiunando? A chi sa che esiste una strada che porta a Noi, diciamo: “Segui la via dell’amore. Segui la via del lavoro. Segui la via segnata dallo scudo della fede!”. A chi ha scoperto la Nostra Immagine nel proprio cuore diremo: “Va’ per la via del cuore, e il Calice te la renderà manifesta!”. Ma a chi, per orgoglio, crede di aver scoperto il sentiero, diremo invece: “Vattene, e impara dallo spirito, che conosce il compimento”.
La fanciulla, che nelle sale del lusso portava il pesante volume della Bibbia, appare come creatrice di un nuovo mondo. La bambina, che vide il Maestro di Luce sotto il cielo azzurro, è colei che distrugge le prigioni sotterranee delle tenebre. Il suo spirito, che poté sentire i Fratelli dell’Umanità, è una spada sfolgorante di Luce. Se fin dall’infanzia poté sentire che i Fratelli dell’Umanità rigenerano tutto ciò che esiste, quello spirito ha il nome di portatore di luce. Noi specialmente amiamo le guide spirituali tra i fanciulli.
L’illuminazione è il dono migliore all’evoluzione. Il Precetto della vita cosmica chiama al compimento di portatore di luce, e solo la Luce compie una tale missione.

[Gerarchia, 24]