You are here

La Bandiera della Pace

Primary tabs

Submitted by Lotos on 15 April, 2015 - 13:25

Senza cultura non è possibile l’accordo internazionale né la reciproca comprensione. Senza cultura gli uomini non possono comprendere tutte le esigenze dell’evoluzione. Perciò la Bandiera della Pace contiene quei concetti sottili che consentono di intendere la cultura. L’umanità non sa rispettare ciò che comporta l’immortalità dello spirito. La Bandiera della Pace ne farà capire l’alto valore. L’umanità non può fiorire se non conosce la grandezza della cultura. La Bandiera della Pace aprirà i cancelli di un futuro migliore. Quando le nazioni stanno per essere distrutte, anche chi è spiritualmente povero deve capire in che consiste l’ascesa. In verità, la salvezza sta nella cultura, e la Bandiera della Pace è foriera di un avvenire migliore.

[Gerarchia, 331]
Admin
Lotos's picture
Joined: 10/27/14
Posts: 106

Bisogna raccogliere i punti focali della vita: in tal modo si accumula quella qualità che si chiama cultura. La cultura non si crea all’istante, né i punti focali della vita compaiono d’un tratto, come proiettili. Quindi le manifestazioni della vita devono essere accordate fra loro, come strumenti di un’orchestra. Sembra che Io parli di cose diverse, ma tutto ciò non è altro che Fuoco, Energia, Gerarchia!
[Gerarchia, 226]

Admin
Lotos's picture
Joined: 10/27/14
Posts: 106

Certo l’evoluzione dello spirito impone quella raffinatezza senza la quale è impossibile costruire. Chiunque si considera servitore della cultura deve accettare la sintesi rivelata. Come si possono edificare le fasi della cultura senza cautela? Perciò ogni fondamento deve essere protetto, se deve affermarsi nel mondo. Si costruisce la cultura, non certo con atteggiamenti grossolani nei riguardi delle energie sottili e del pensiero, ma con una disposizione costruttiva di cautela e responsabilità. Mentre costruite, ricordate dunque la necessità della finezza e lo sforzo di salire alle sfere superiori. Così si realizza l’evoluzione dello spirito.
[Gerarchia, 249]